Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.


Ok
  • Nuovo
Il Parco Archeologico degli Ipogei di Trinitapoli
  • Il Parco Archeologico degli Ipogei di Trinitapoli

Il Parco Archeologico degli Ipogei di Trinitapoli

10,00 €
Tasse escluse

Anna Maria Tunzi

9788867175048

Quantità

 

Politiche per la sicurezza (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente)

 

Politiche per le spedizioni (modificale con il Modulo rassicurazioni cliente)

 

Politiche per i resi merce (modificale con il Modulo rassicurazioni cliente)

Gli ipogei risalgono agli inizi dell’Età del Bronzo, a partire da quella fase nota come Protoappenninico (XVII-XVI sec. a.C.) e sono connessi alla celebrazione di eventi rituali. Alcuni di essi vengono destinati successivamente, tra un momento avanzato del Protoappenninico (XV sec. a.C.) e l’inizio dell’Appenninico (XIV sec. a.C.), a luoghi di sepoltura collettiva, e restano in uso fino al Bronzo recente (alla prima metà del XIII secolo a.C.), a testimoniare sia l’articolazione sociale delle comunità locali dell’Età del Bronzo, sia le relazioni che le comunità indigene intrattenevano con la comunità della costa adriatica orientale e della Grecia.
Gli interventi nel Parco si articolano soprattutto in una serie di soluzioni architettoniche ed illuminotecniche per ricreare la suggestione di ipogei originariamente in gran parte chiusi e fruibili in penombra, ma che per esigenze di scavo e di sicurezza erano stati resi del tutto aperti, con il rischio di perdere la scansione fra spazi scoperti e coperti che ne scandivano l’antica frequentazione da parte delle comunità protostoriche del Tavoliere di Puglia.

Scheda tecnica

Dimensione
15x21, brossura
Pagine
70
Anno di pubblicazione
2020
Argomento
Archeologia e musei
Illustrazioni
a colori

Potrebbe anche piacerti