Cookie Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.


Ok
L'eredità di Federico II / Das Erbe Friedrichs II.
  • L'eredità di Federico II / Das Erbe Friedrichs II.

L'eredità di Federico II / Das Erbe Friedrichs II.

30,00 €
Tasse escluse

Dalla storia al mito, dalla Puglia al Tirolo / Von der Geschichte zum Mythos, von Apulien bis Tirol

Atti del Convegno Internazionale di studi (Innsbruck - Stams, 13-16 aprile 2005)

a cura di Fulvio Delle Donne - Angelo Pagliardini - Emanuela Perna - Max Siller - Francesco Violante

ISBN: 9788880828723

Quantità

Contributi di Christina Antenhofer, Vito Attolini, Vito Bianchi, Marco Brando, Lucia Angelica Buquicchio, Fulvio Delle Donne, Alberto Gentile, Raffaele Licinio, Stefania Mola, Josef Riedmann, Max Schiendorfer, Romedio Schmitz-Esser, Max Siller, Francesco Violante.

 

Differenti lingue, discipline, culture e metodi di indagine si incontrano nelle pagine di questo volume, che raccoglie il frutto di riflessioni e ricerche elaborate a partire dal convegno su Federico II svoltosi a Innsbruck nella primavera del 2005. Tracciando una linea che mette in connessione due aree territoriali a prima vista indifferenti – se non estranee, tra loro – la Puglia e il Tirolo, vengono indagati i caratteri anche metastorici della presenza e del ruolo dello Svevo nella cultura di massa contemporanea.

I saggi qui raccolti danno avvio a un proficuo dialogo polifonico, concentrando l’interesse sulle “eredità” e sui processi di “mitizzazione” di Federico II, riscontrabili nella rappresentazione letteraria e in quella cinematografica, nella storiografia coeva e nella cronaca quotidiana. Sono emerse, così, le diverse figure, anzi le diverse identità dello Svevo.

Accanto al Federico II storico, infatti, si è venuto costantemente a collocare quello mitizzato, che ha contribuito a conferire un fascino imperituro al personaggio: il secondo si è andato sedimentando sul primo, rendendone indistinguibili i tratti reali ed autentici. E se già prima della sua nascita, intorno a Federico si concentrarono le attese e le aspirazioni di una società in profonda trasformazione, non meraviglia che a tutt’oggi si proiettino sullo Svevo le fantasie di un mondo che ancora non riesce a regolare tutti i conti con la sua storia.

Lo stupor mundi continua, insomma, a essere tale, sintesi estrema e inconsapevole del bene o del male.

Scheda tecnica

Pagine
340
Anno di pubblicazione
2010
Formato
17x24
Illustrazioni
b/n