Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.


Ok
  • Nuovo
amorÉros - incroci n. 41
  • amorÉros - incroci n. 41

amorÉros - incroci n. 41

10,00 €
Tasse escluse

amorÉros - n. 41, gennaio-giugno 2020
ISBN: 9788867175109

Quantità

 

Politiche per la sicurezza (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente)

 

Politiche per le spedizioni (modificale con il Modulo rassicurazioni cliente)

 

Politiche per i resi merce (modificale con il Modulo rassicurazioni cliente)

Forse la parola ‘amore’ è la più abusata in assoluto, anche a causa della sua intrinseca presunzione lessicale, che la porta a riassumere in sole cinque lettere (quattro, addirittura, nell’omologo lemma inglese love) ciò che in altre lingue e in altre epoche è stato detto e scritto in diversi modi e diverse sfumature. Il dizionario e la cultura greca riuscivano a distinguere la philìa dall’agape, la storge dall’eros: quest’ultima accezione ha poi predominato sulle altre, grazie alla sua parentela con la sessualità.
La nostra cultura, invece, ha avuto bisogno di aggettivi da aggiungere al sostantivo ‘amore’ per distinguere quello ‘sacro’ da quello ‘profano’ fino al punto di produrre un approccio schizofrenico nei confronti di un quid che potrebbe fare a meno di apposizioni integrative o specificanti, e tendere verso l’unicità capace di contenere la molteplicità.
Facendo tesoro di queste riflessioni, «incroci» si incarica di dar voce all’amore e di renderlo coinquilino dell’eros, fino a farli con-fondere, così come possono confondersi in un’unica disposizione emotiva i mille oggetti e le altrettante forme di amore esperite dagli esseri umani.

Scheda tecnica

Pagine
152
Anno di pubblicazione
2020
Formato
17x24, brossura
Illustrazioni
b/n

Potrebbe anche piacerti